Quest’area è riservata a chi vuole iscriversi all’associazione.

Per iscriverti all’A.I.P.E.D., Associazione Italiana Periti Estimatori Danni, basta scaricare il modulo in formato pdf, compilarlo, sottoscriverlo ed inoltrarlo via mail all’indirizzo info@peritiaiped.it allegando un documento di riconoscimento in corso di validità.

La quota associativa da versare per l’anno 2019 è pari ad € 50,00 (E. cinquanta/00).

DATI PER IL VERSAMENTO

I dati per il versamento sono i seguenti:

IBAN IT41V0200815010000105651006 | UniCredit Banca | intestato a A.I.P.E.D. Associazione

Causale: “Quota associativa anno corrente

Modulo di iscrizione———————————————————————–

Perché iscriversi? Inserisci il tuo parere nei commenti qui sotto…

3 Commenti

  1. Perché associarmi?
    Perché no? In questi anni mi sono sentita rappresentata da qualcuno? La mia condizione lavorativa è migliorata? Sono davvero aggiornata sulle novità che riguardano il mio lavoro, il mio futuro? Che tipo di relazioni vivo con committenti, colleghi e carrozzieri? Ma soprattutto, mi stimo per quello che faccio e per le cose che dico? E per quelle che non dico?
    Appunto! Allora perché non associarmi e provare a capire, con l’aiuto di altri colleghi, cosa sia successo e cosa si possa fare per essere ancora “periti vivi”?
    Non rinnego nulla, ho lavorato sempre con passione e correttezza ma ora, non so se per distrazione o stanchezza, mi ritrovo in un vortice sempre più aggressivo e torbido che inghiotte tutto e non dà scampo al bene più grande, l’uomo e la sua saggezza. Mi sento un piccolo ingranaggio di una macchina per far soldi che corre senza limiti, senza regole, senza controllo in una direzione che mi fa paura, all’insaputa di tanti, forse di troppi.
    Se il mio valore è dato dalla mia capacità di fare delle scelte sento che ora è tempo di scegliere ed agire con responsabilità e buon senso per il bene collettivo.
    Sí, mi associo! E rifacendomi al logo di AIPED, mi porto sottobraccio da una parte il collega che sento più vicino, l’amico leale e corretto, dall’altra Albert Einstein che mi ricorda di …. “non cercare di diventare un uomo di successo, ma piuttosto un uomo di valore”.
    Con affetto
    Laura Toscani

  2. Comprendo, e approvo . Fa piacere sapere che altri colleghi hanno le stesse considerazioni nell’animo e in questa professione. Saluti Lo Bianco

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui